Blog: http://vasco.ilcannocchiale.it

SENZA PAROLE: LORENZO CESA

Ieri sera il deputato dell'Udc, Cosimo Mele, è stato beccato - e ha confessato - di essere il parlamentare protagonista del festino (sesso e coca) in un albergo di Roma che è finito male (ospedale). Stamattina il segretario del partito centrista, Lorenzo Cesa, ha accettato le dimissioni di Mele, ma subito dopo in una conferenza stampa ha fatto le seguenti dichiarazioni: 
"Si parla tanto di costi della politica, ma al parlamentare bisognerebbe dare di più e consentire il ricongiungimento familiare. Perchè la vita del parlamentare è dura, la solitudine è una cosa molto seria. I parlamentari che vivono a Roma da fuori sede, e fuori dalla loro città hanno una vita abbastanza dura. Quando ero eurodeputato, stavo da solo tutta la settimana e la solitudine è una cosa molto seria. Bisognerebbe pensare al'ipotesi di un ricongiungimento familiare: più soldi a deputati e senatori, quindi, per poter permettere il trasferimento delle loro famiglie a Roma".

Ma perchè limitarsi soltanto alla proposta di Cesa. Se qualcuno mi aiuta mettiamo su un comitato che avrà questo slogan: "DOPO AVERLO ELETTO NON ABBANDONARE IL TUO PARLAMENTARE, PASSA LA SERATA CON LUI A BASE DI PUTTANE E COCA..."

Pubblicato il 31/7/2007 alle 0.5 nella rubrica Diario.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web